Campagna di controlli sulle gomme

Saranno oltre 10.000 i controlli che la polizia stradale svolgerà da venerdì 20 aprile a giovedì 31 maggio, per valutare le condizioni dei pneumatici delle auto sulle strade. Questi i numeri di Vacanze Sicure, l’iniziativa della Polstrada e di Pneumatici sotto controllo per sensibilizzare gli automobilisti sull’importanza delle gomme per la sicurezza, giunta alla quindicesima edizione.

Dalla Lombardia al Molise.

Sotto la lente degli agenti passeranno stato di usura, omologazione, corrispondenza delle misure montate rispetto alla carta di circolazione, presenza di tagli, abrasioni e danneggiamenti visibili a occhio nudo che, uniti allo scarso gonfiaggio, potrebbero essere causa di un cedimento strutturale del pneumatico. Nel mirino anche il recente fenomeno della contraffazione della data di fabbricazione, per farla risultare posteriore a quella effettiva. Le verifiche saranno condotte dalla Polstrada in Lombardia, Veneto, Liguria, Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise.

Obiettivo sicurezza.

È importante far comprendere che non si tratta solo di evitare la sanzione pecuniaria, ma che in gioco vi è la sicurezza. Perché l’obiettivo, ha detto con chiarezza il dirigente, non è l’accumulo di verbali, ma la sensibilizzazione di chi guida a tenere in perfetta efficienza il proprio mezzo.

In presenza di un parco auto sempre più vecchio, il 50% delle vetture ha più di dieci anni, la manutenzione riveste un ruolo primario per la sicurezza e, su questo fronte, la cura dei pneumatici è un aspetto centrale. Per il direttore di Assogomma Fabio Bertolotti occorre riflettere su quanto il gonfiaggio e la verifica non siano eseguiti con regolarità: “Oltre il 52% degli automobilisti”, ha detto Bertolotti, “circola con gomme non sufficientemente gonfiate”. La percentuale è alta, sebbene l’Unione Europea abbia imposto su tutte le auto di nuova immatricolazione, dal 1° novembre 2014, il TPMS (Tyre Pressure Monitoring System), sistema che segnala i problemi legati alla pressione delle gomme. *

Fonte: Quattroruote

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio – La Prova
ARTICOLO PRECEDENTE
Le vecchie batterie delle auto elettriche danno energia ai lampioni
PROSSIMO ARTICOLO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *